Ultima modifica: 28 Luglio 2015

Vales

VALeS

Progetto di valutazione e sviluppo del Liceo “Quadri”

Piano di miglioramento 2015

Il progetto VALeS

Il progetto VALeS definisce un modello di valutazione delle scuole, articolato in tre anni. Gli istituti che hanno scelto di partecipare a questo progetto – 300 in Italia – operano in autonomia una autovalutazione della scuola, individuano dei progetti sulle aree critiche individuate e li realizzano in un Piano di miglioramento, con il supporto di osservatori e ispettori esterni.

Il progetto ha questa scansione temporale:

  • Novembre 2012 – gennaio 2013 le scuole svolgono attività autovalutative e elaborano un Rapporto di autovalutazione
  • Febbraio – aprile 2013 i team di valutazione esterna esaminano la documentazione delle scuole, visitano le scuole ed elaborano il Rapporto di valutazione esterna
  • Maggio 2013 le scuole definiscono il Piano di miglioramento
  • A.s. 2013-2014 le scuole sviluppano il Piano di miglioramento
  • A.s. 2014-2015 un Tutor segue, nelle scuole, la fase di sviluppo dei progetti di miglioramento..

Il percorso triennale è riservato alle 300 scuole che sono state individuate dal MIUR tra quelle che avevano fatto domanda per partecipare al progetto VALES.

Ad ogni scuola viene assegnato un budget di 10,000 euro per realizzare il proprio piano di miglioramento.

 


Le modalità

La logica che ispira la gestione del progetto segue il modello “SMART”.

Fissa cioé obiettivi:

Specific – Specifici,

Measurable – Misurabili,

Achievable – Raggiungibili,

Realistic – Realistici,

Timed – Stimati nel tempo.

 

 

L’attuazione del Piano di miglioramento viene inoltre articolata seguendo una logica che deriva dal “Ciclo di Deming”:

Pianificazione degli interventi (Plan), in cui si definiscono gli obiettivi e gli interventi che li realizzano;

Attuazione del programma (Do), in cui si opera per realizzare i progetti;

Controllo e valutazione (Check), in cui lesito raggiunto viene valutato;

Conferma o revisione delle azioni secondo quanto emerso (Act), in cui si riconsidera ed, eventualmente, si rimodula l’intervento fatto.


 

 Il VALeS al “Quadri”

Anche la nostra scuola ha chiesto di partecipare al VALeS e la sua richiesta è stata accolta.

  • Tra Novembre 2012 e gennaio 2013, coinvolgendo tutte le realtà scolastiche, si è redatto un rapporto di autovalutazione (PDF/880 Kb)
  • Tra Febbraio e aprile 2013 un team di valutazione esterna, composto da un ingegnere e una docente, hanno esaminato la documentazione, visitato le scuole, condiviso la situazione con docenti, ATA, genitori e studenti e infine elaborato un rapporto di valutazione esterna
  • A Maggio 2013 abbiamo costruito un’ipotesi di Piano di miglioramento, centrato su quattro progetti.
  • Tra maggio 2013 e giugno 2015 abbiamo redatto il Piano, messo in atto i progetti, controllato il loro sviluppo e valutato il loro impatto, il tutto in collaborazione con la prof.ssa Muffolini, consulente esterna a supporto del Piano. Gli incontri con la reponsabile esterna sono stati sei. (17/11/14, 10/12/14, 13/01/15, 26/02/15, 26/03/15, 28/05/15).

 

Il risultato di questo lavoro viene qui presentato, in forma sintetica. Il Piano di miglioramento 2015, nella sua integralità, è consultabile qui. (pdf/845 Kb)


 

Il Team di Miglioramento

Il Team di Miglioramento, cioè il gruppo di lavoro che ha preparato il rapporto di autovalutazione e stabilito il Piano di miglioramento, è sorto per essere rappresentativo di tutte le componenti della comunità scolastica. Ne hanno fatto parte :

Edoardo Adorno, DS

Maristella Magrin DSGA

Paolo Vidali, docente,

Lucia Petroni docente

Giuliano Cisco, docente

David Merlin, docente

Umberto Curti da Porto, studente

Mauro Valente, ATA

Rita Bonotto, ATA

Monica Muraro, genitore

Maria Christina Young, genitore

 

Una volta individuati i 4 progetti su cui concentrarsi, all’interno del Team si sono definiti dei ruoli specifici e si sono integrate nel gruppo di lavoro altre figure: Davide Viadarin, Domenico Cristofaro, Diego Antonio Peron, Ida Marina Adami e Maria Chiara Pilastro.

Ne è nato il nucleo di progettazione del Piano di Miglioramento, così composto:

 

Edoardo Adorno Responsabile del Piano
Maristella Magrin Responsabile stesura del budget
Lucia Petroni Supervisore dei progetti e loro montoraggio
Paolo Vidali Progettista e responsabile della pubblicizzazione delle azioni svolte e dei risultati.
Davide Viadarin Referente del Progetto 1
Giuliano Cisco Responsabile del monitoraggio progetto 1
Diego Antonio Peron Referente del Progetto 2
Domenico Cristofaro Responsabile del monitoraggio progetto 2
Ida Marina Adami Referente e Responsabile del monitoraggio del progetto 3
Maria Chiara Pilastro Referente del Progetto 4
Paolo Vidali Responsabile del monitoraggio progetto 4

 


 

I progetti

A seguito del rapporto di autovalutazione , redatto dalla scuola nel 2013, e del rapporto di valutazione esterna, redatto dai consulenti esterni nel 2014, si è prodotto un Piano di miglioramento, articolato in 4

  1. Il clima e le relazioni nell’Istituto
  2. Omogeneità della valutazione, sia nei criteri che negli esiti
  3. Miglioramento della didattica: didattica compensativa e messa al centro delle competenze
  4. Selezione dei saperi e costruzione di identità attraverso il POF

Ecco una loro sintetica presentazione.


 

 Progetto 1: Il clima e le relazioni nell’Istituto

Referente prof. Viadarin

Durata: Settembre 2014 – Giugno 2016 (Pluriennale)

Presentazione illustrata in Collegio Docenti (ppt/1Mb)

Il principale obiettivo del progetto è aumentare la partecipazione e il dialogo di tutte le componenti della comunità scolastica (genitori, docenti, personale e studenti), valorizzando luoghi e momenti d’incontro. Si sceglie come prioritario il consiglio di classe, crocevia strategico di un’interazione centrata sullo studente concreto, sulla didattica quotidiana e sulla comunicazione reale e sullo sviluppo delle competenze interdisciplinari.

Il progetto si è articolato nelle seguenti attività:

Attività Descrizione Responsabile
Sportello d’ascolto Consulenza esterna (dott.ssa Zigiotto) Peron
Sé e relazione (Corso x docenti) 4 Incontri x 4h ciascuno Cisco – Peron
Gruppo Tutor Tutoraggio e accompagnamento da parte dei tutor e animatori per gli iscritti alle classi prime Cisco
Gruppo Animatori Formazione degli animatori per 8 ore iniziali e 30 in itinere dell’anno scolastico Viadarin
Redazione Quadrifoglio Giornale Studentesco Cisco
Formazione coordinatori Consulenza esterna (Ulss) Adorno -Peron
Educazione alla Salute Consulenze esterne Saccuman
Scuola e arte d’ascoltare Incontro formativo per docenti 20 Febbraio 2015 Peron – Viadarin
Osservatorio Stress Gruppo docenti, ex-studenti, ATA e psicologa per monitoraggio e proposte interventi Viadarin
English Camp Attività promossa con il contributo del Comitato Genitori nei mesi di Giugno-Luglio Comitato Genitori
Corsi di sostegno studio Attività di recupero peer to peer gestita e promossa dagli studenti Rappr. Istituto studenti
Formazione rappresentanti Triennio Consulenza esterna (Voc-Azione) Cisco
Autonomia Disabili Favorire l’acquisizione e la messa in atto di comportamenti all’insegna dell’autonomia personale, sociale, ambientale Di Fuccia
Eccellenza Aiutare lo studente a riconoscere e precisare le proprie attitudini di alto livello e migliorare la propria autostima Rossi
Educazione Cittadinanza Europea Sviluppare attitudini cooperative e di partecipazione attiva attraverso azioni di peer to peer Rossi
Mobilità studentesca e Accoglienza interculturale Coordinamento con la Rete per l’intercultura “intreccio di fili colorati”.Per gli studenti in entrata: promuovere l’ospitalità di studenti stranieri in visita didattica; favorire l’accoglienza e l’inserimento degli alunni CNI che vengono a vivere e studiare in Italia.Per gli studenti in uscita: assistere gli studenti del Liceo in partenza, durante e al rientro dal loro soggiorno individuale di studio all’estero. Spadavecchia

 

 


Progetto 2. Omogeneità della valutazione, sia nei criteri che negli esiti

Referente Prof. Peron

Durata: Settembre 2014 – Giugno 2015

Obiettivo del progetto è coordinare e potenziare la raccolta di dati per migliorare l’insegnamento e i risultati di apprendimento. Destinatari diretti del progetto sono i docenti, destinatari indiretti gli studenti.

ATTIVITÀ RESPONSABILE
Raccolta dati Scrutini sett./maturità Cristofaro
Collegio presentazione dati Peron
Preparazione test ingresso prime e terze Petroni
Esiti delle prove per consigli di classe Petroni
Censimento primo quadrimestre per docenti e materie Cristofaro
Presentazione dati al Collegio docenti Peron
Presentazione dati I quadrimestre al consiglio di Istituto Dirigente
Raccolta dati non orientati Cristofaro
Presentazione dati al collegio Peron
Raccolta dati II quadrimestre per classi e trasferiti Cristofaro
Presentazione dati in collegio II q. e in consiglio e programmazione attività Dirigente
Preparazione prove di ingresso e con griglie di valutazione Coordinatori di Dipartimento
Valutazione dei corsi di recupero, degli sportelli e dei risultati scolastici Peron
Valuta P.O.F. presentazione dati in collegio Vidali
Analisi dati su iscrizioni in Collegio Pigato
Prove comuni II Q. Relazione sui risultati Coordinatori di dipartimento
Analisi carichi di lavoro Cristofaro
Rilevazione dati dell’Università e presentazione al Collegio Peron
Dati Invalsi presentazione risultati Petroni

 

Valutazione degli studenti (660 risposte) su corsi di recupero e sportelli svolti durante l’anno (pdf/175 Kb)

 


Progetto 3. Miglioramento della didattica: didattica compensativa e messa al centro delle competenze

Referente prof.ssa Adami

Durata: Settembre 2014 – giugno 2016 (pluriennale)

Presentazione illustrata in Collegio Docenti (pdf/775 Kb)

Obiettivi del progetto, di carattere pluriennale, sono differenziare le strategie didattiche, coinvolgere più attivamente gli studenti nel processo didattico, migliorare la didattica compensativa e, in generale, operare uno spostamento della centralità delle conoscenze alla centralità delle competenze.

Queste le attività che, per quest’anno, lo caratterizzano.

A. Promozione di esperienze di PEER EDUCATION
A.1. Progetto Educazione alla salute A.1.Incontri con uno specialista: 1 incontro per ogni classe terza di 2 ore sull’affettività e percezione del sè
A.2. Iniziative per animatori e tutor (tutoraggio e accompagnamento alle classi prime – formazione per rappresentanti classe terze) A.2. – Formazione sulle tecniche di gestione del gruppo e comunicative rivolto ai tutor per un totale di 6 ore.Intervento per ciascuna classe prima dei tutor per accoglienza di 6 ore (4 in classe, 2 pomeridiane). Formazione degli animatori per 8 ore iniziali e 30 in itinere dell’anno scolastico.- Formazione dei rappresentanti di classe circa il loro ruolo e responsabilità di 6 ore a cura di associazione esterna
B. Promozione di esperienze su Didattica per competenze
B.1 Progetti LES (moduli pluridisciplinari e “saggio di fine anno”) B.1. Formazione nei consigli di classe della logica modulare pluridisciplinare: incontri di programmazione a inizio e a fine anno
B.2. Partecipazione a bandi, gare, etc. per studenti o classi B.2. Vedi linkhttp://www.liceoquadri.edu.it/wp-content/archivio/pdf/competizioni/Quadrinews%20eccellenza%20201314.pdf
B.3. Progetti del POF (Giornata della memoria e Redazione “Quadrifoglio”) B.3. Formazione docenti e impatto sulle classi
B.4. Alternanza scuola-lavoro B.4. Formazione docenti-organizzatori
B.5. Portfolio delle competenze B.5. Certificazione di tutte le competenze acquisite dagli studenti in tutto il percorso di studi
C.   Formazione rivolta ai docenti
C.1. Valutazione delle competenze C.1. Formazione docenti; promozione griglia di osservazione lavori di gruppo moduli pluridisciplinare (Les)
C.2. Organizzazione valutazione e gestione della didattica del lavoro cooperativo (Corso Lavorare per gruppi in classe) C.2. N. 1 corso di formazione docenti di h. 3
C.3. Strategie operative per l’interdisciplinarietà, Attività di formazione rete LES, Produzione esempi di prove d’esame (II e III prova) Rete LES Nordest, Preparazione delle attività “Integrazione dei saperi” e “Studiare in forma interdisciplinare” dei Curricola di Indirizzo C.3. N. 3 incontri di coordinamento con Rete LES Nordest
C.4. Autoaggiornamento (Riunioni di Collegio Docenti d’indirizzo e Consigli di classe per predisporre percorsi interdisciplinari)  C.4. N. 1 Collegio Docenti d’Indirizzi (inizio a.s.) e n. 2 Consigli di classe dedicati
C.5. Formazione sul sé e le relazioni C.5. 1 corso di formazione per docenti di N. 4 incontri per h. 4
C.6. I.T.: Formazione Prezi C.6 1 corso di formazione per docenti di N. 1 incontro per h. 3
C.6.1. Formazione Moodle C.6.1. Formazione Moodle per docenti interni ed esterni di N. 3 incontri per 3 h. 3
D. BESTPRACTICES Visite e valutazioni su esperienze in atto in altre istituzioni scolastiche
D.1. Visite in altri Istituti  D.1. – Metodo Bardi-Imparadigitale (Liceo Scientifico Statale Lussana, Bergamo)- Aula 3.0 (Istituto Savoia Benincasa, Ancona)- Aula 3.0 (Istituto Tecnico Luca Pacioli di Crema)
E.     Didattica Compensativa
E.1. Test ingresso E.1. Test d’ingresso classi prime e terze;
E.2. Sportelli E.2. Sportelli didattici e obbligatori; corsi di recupero;
E.3. Rimodulazione quadrimestrale E.3. Insegnamento di solo una delle due materie insegnate dallo stesso docente con 66 h. annue (filosofia e storia) nello stesso quadrimestre

 


Progetto 4. Selezione dei saperi e costruzione di identità attraverso il POF

Referente: prof.ssa Pilastro

Durata: Settembre 2014 – giugno 2016

Obiettivi del progetto sono l’introduzione in forma operativa del concetto di curricolo, in particolare di Istituto e di indirizzo, e curarne la presenza nel POF; in secondo luogo definire meglio gli indirizzi (LS, SA, LES) e personalizzare il profilo in uscita dello studente; infine costruire, in collaborazione con la scuola media I grado, un curricolo verticale per raccordare meglio il passaggio dalle medie al liceo “Quadri”.

Attività Responsabile
Definizione del Curricolo DS e Referenti di Progetto
Indirizzi e profilo in uscita DS, staff di Presidenza, responsabili di Indirizzo
Verticalità medie-Liceo Prof Cisco e Referenti del Progetto

 

Su due di questi progetti, il primo e il terzo, si è sottoposto al Collegio dei docenti un questionario di valutazione qui i risultati per il primo progetto e i risultati per il terzo progetto (pdf/917 Kb)


Le prospettive

Dei quattro progetti di miglioramento individuati, i primi due sono pluriennali e perciò verranno proseguiti anche nel prossimo anno scolastico, mentre i secondi due sono definiti e implementati entro il corrente anno scolastico.