Liceo scientifico "G.B.Quadri" > I progetti > Educazione alla cittadinanza
Ultima modifica: 14 luglio 2017

Educazione alla cittadinanza

democracy-word-cloud-57a2cf

Educazione alla cittadinanza

L’educazione alla cittadinanza è un percorso curricolare del nostro liceo.

Esso mira a costruire dei cittadini consapevoli dei propri diritti e doveri in rapporto alla società.

Si sviluppa non solo attraverso un insieme di contenuti curricolari, ma anche con il costante esercizio di democrazia interna attraverso le assemblee di classe e le assemblee di Istituto, e le elezioni e l’impegno di rappresentanti di classe, rappresentanti di Istituto e rappresentanti alla Consulta degli studenti.

 


 

Le competenze di cittadinanza

Vi sono alcune fondamentali competenze e abilità che lo studente dovrà sviluppare nel quinquennio con il contributo delle aree disciplinari.

Cliccando qui si accede al quadro delle competenze, diviso per area disciplinare.


 

 

Il percorso delle singole classi

Classi prime: principi e valori costituzionali

L’attività per le classi prime verterà sulla prima parte della Costituzione.

L’attività proposta non consisterà in una serie di lezioni frontali in classe, ma in un’attività laboratoriale che gli studenti svolgeranno in gruppo. Si formeranno gruppi di 4, massimo 5 studenti, che adotteranno un articolo della prima parte della Costituzione o un tema toccato da più articoli e lo illustreranno creativamente, in forma di riflessione condivisa, di interviste, di poesia, di cortometraggio, di testo, di performance drammatica, o altra forma.

La durata di ogni presentazione o video non potrà superare i 5 minuti, pena l’esclusione.

 

  • FASE DI INTRODUZIONE

Per preparare l’attività laboratoriale dei gruppi sarà organizzato un incontro di due ore (le prime due) allo scopo di illustrare l’importanza storica e la genesi della Costituzione mettendo anche in luce una prima lista di articoli che possono, a titolo di esempio, offrire temi meritevoli di riflessione o approfondimento.

Questo momento di introduzione formativa si avvarrà della collaborazione di alcuni docenti* e dei materiali video disponibili o scaricabili (vedi la sezione “materiali a disposizione).

L’incontro introduttivo è stato fissato per il 10 gennaio 2017 (II e III ora).

I docenti che non ritengono necessario far partecipare le classi a questo momento formativo collettivo, e preferiscono svolgere questa attività durante le proprie ore di lezione in modo autonomo, possono farlo. E’ comunque importante che entro quella data un’introduzione generale alla Costituzione ed al lavoro degli studenti sia svolta affinché i gruppi possano iniziare a lavorare.

 

FORMAZIONE DEI GRUPPI

Per la formazione dei gruppi e per l’inizio dei lavori di gruppo si consiglia di utilizzare un’ora in classe. Il resto dell’attività verrà svolto dagli studenti in forma autonoma.

 

PRESENTAZIONE DEI LAVORI SELEZIONATI

Entro il 6 maggio ogni classe avrà prodotto i propri lavori di gruppo e sarà effettuata la selezione del lavoro migliore della propria classe. I lavori selezionati verranno presentati in aula magna il 13 maggio (prime tre ore) in un apposito incontro a cui saranno invitati tutti gli studenti delle classi prime. I lavori prodotti e presentati dai gruppi assumeranno una forte valenza formativa per tutti, offrendo un quadro sufficientemente ricco e complesso dei temi essenziali della nostra Costituzione.

 

LA GIURIA E LA PREMIAZIONE

Al termine della presentazione in aula magna una giuria composta da due figure autorevoli esterne alla scuola, da due docenti di diritto del biennio e da due studenti “eccellenti” estratti a sorte dalle classi quarte, sceglierà i 6 lavori migliori. I gruppi vincitori verranno premiati con un viaggio-premio che si svolgerà a Venezia al Consiglio Regionale entro novembre 2017.

 

I VINCITORI PER L’A.S. 2016-7

 1 ASE con il gruppo composto da Bellan Emma, Bellanda Anna, Mattiello Irene, Todaro Pietro, Vianello Luca.

1 BSA con gli studenti Paterno Alice, Hallulli Keis, Argenton Andrea, Stramare Lucia,Salgarolo Sofia.

Il premio previsto dal progetto consiste in un’uscita didattica che  entro il mese di novembre 2017 al Consiglio Regionale Veneto presso la sede di Palazzo Ferro-Fini a Venezia.

 

 

Classi seconde: Stato e rapporti internazionali

L’attività delle classi seconde, attraverso l’analisi degli articoli 11 e 12 della Costituzione, verterà sul superamento del nazionalismo attraverso i Trattati e le istituzioni internazionali.

L’attività proposta non consisterà in una serie di lezioni frontali in classe, ma in un’attività laboratoriale che gli studenti svolgeranno in gruppo. Si formeranno gruppi, di 4, massimo 5 studenti, che individueranno e approfondiranno un aspetto della tematica per loro più rilevante all’interno del tema “l’Italia nei rapporti internazionali”. Il prodotto finale del loro lavoro potrà avere forme diverse: riflessione condivisa, di interviste, di poesia, di cortometraggio, di testo o performance drammatica, o altra forma.

La durata di ogni presentazione o video non potrà superare i 5 minuti pena l’esclusione.

 

FASE DI INTRODUZIONE

Per preparare l’attività laboratoriale dei gruppi sarà organizzato un incontro di introduzione formativa di due ore sulle piste di lavoro, con la collaborazione di alcuni docenti.

L’incontro introduttivo è fissato per  il 15 novembre (II e III ora).

 

FORMAZIONE DEI GRUPPI

Per la formazione dei gruppi e per l’inizio dei lavori di gruppo si consiglia di utilizzare anche un’ora in classe. Il resto dell’attività verrà svolto dagli studenti in forma autonoma.

 

PRESENTAZIONE DEI LAVORI SELEZIONATI

Entro il 6 maggio è previsto che ogni classe produca i propri lavori di gruppo e che sia effettuata la selezione del lavoro migliore della propria classe. I lavori selezionati verranno presentati in aula magna il 13 maggio (dalla quarta alla quinta ora) in un apposito incontro a cui saranno invitati tutti gli studenti delle classi seconde. I lavori prodotti e presentati dai gruppi assumeranno una forte valenza formativa per tutti, offrendo un quadro sufficientemente ricco e complesso dei contenuti e dei temi essenziali proposti a partire dalla seconda parte della nostra Costituzione.

 

LA GIURIA E LA PREMIAZIONE

Al termine della presentazione in aula magna una giuria composta da due figure autorevoli esterne alla scuola, da due docenti del biennio di diritto e di economia e da due studenti “eccellenti” estratti a sorte dalle classi quarte, sceglierà i sei lavori migliori, che verranno premiati con un viaggio-premio che si svolgerà a Venezia al Consiglio Regionale entro novembre 2017.

I VINCITORI PER L’A.S. 2016-7

2 FSA con gli studenti Ambrosi Andrea, Desana Giulio, Pinto Marco, Prencipe Andrea.

2 BSE con gli studenti Coppolino Marco, Green Vivica, Greselin Vittoria, Rossilli Riccardo, Traverso Maria.

Il premio previsto dal progetto consiste in un’uscita didattica che  entro il mese di novembre 2017 al Consiglio Regionale Veneto presso la sede di Palazzo Ferro-Fini a Venezia.

Materiali a disposizione

Introduzione alla Costituzione

Introduzione Rossi

Una Costituzione per i giovani (Introduzione alla Costituzione preparata dal Comune di Vicenza) (doc/300 Kb)

Mappa della Costituzione italiana (jpg/279 Kb)

Ipertesto sulla Costituzione   da Paramond

Piattaforma didattica sulla Costituzione italiana da Camera dei Deputati

Impariamo la Costituzione  Gli articoli commentati

 

Lezioni

Lezioni sulla Costituzione italiana

Lezione di Valerio Onida da www.raistoria.rai.it

Intervista a Nilde Iotti da www.raiscuola.rai.it

Video

Roberto Benigni, art. 1 della Costituzione, da La costituzione più bella del mondo (2012)

Luciano Ligabue, Niente paura

 


 



Classi terze. Beni comuni e cittadinanza attiva

L’attività delle classi terze verte sul tema dei “beni comuni”, con riferimento al territorio cittadino e provinciale e su proposte per la difesa, ottimizzazione e valorizzazione degli stessi.

L’attività sarà di tipo laboratoriale nello stile della “cittadinanza attiva”: gli studenti, organizzati in gruppi di 4, massimo 5 componenti, adotteranno un bene comune sul quale formuleranno proposte operative da sottoporre alle amministrazioni locali.

La durata di ogni presentazione di progetto non potrà superare i 5 minuti, pena l’esclusione.

INTRODUZIONE

Per preparare l’attività laboratoriale dei gruppi, gli studenti parteciperanno a un incontro il giorno 7 dicembre 2016, dalle ore 8.10 alle ore 10.00. In aula magna, gli alunni ascolteranno una introduzione della professoressa Francesca Lazzari sul tema “Beni comuni e pubblica amministrazione” e una presentazione di un particolare bene comune da parte di un esperto esterno alla scuola.

FORMAZIONE DEI GRUPPI

Alla formazione dei gruppi (4, massimo 5 studenti) provvederanno i docenti del dipartimento di filosofia e storia nelle rispettive classi. Al fine di avviare i lavori di gruppo, si consiglia di utilizzare anche un’ora in classe. Il resto dell’attività sarà svolto dagli studenti in forma autonoma.

PRESENTAZIONE DEI LAVORI SELEZIONATI

Entro il giorno 11 marzo 2017 è previsto che in ogni classe siano consegnati i lavori di gruppo; successivamente sarà effettuata dal docente l’individuazione del lavoro migliore della propria classe. Gli elaborati così selezionati saranno presentati in aula magna il giorno 31 marzo dalle ore 10.00 alle ore 13.00, in un apposito incontro a cui saranno invitati tutti gli studenti delle classi terze.

LA GIURIA E LA PREMIAZIONE

Al termine della presentazione in aula magna, una giuria composta da due figure autorevoli esterne alla scuola e da due docenti dei dipartimenti di Filosofia e Storia e Scienze Sociali sceglierà i sei lavori migliori, che saranno premiati con una uscita didattica di due giorni “Esplorando i beni comuni della provincia”, che sarà organizzata entro il mese di novembre 2017.

 

I VINCITORI PER L’A.S. 2016-7

3Dsa Acqua bene comune a Vicenza

3Fsa Adottiamo i beni abbandonati

3Dsc Riqualificazione aree verdi  

3Esa La nostra acqua

3Csc Meglio cambiare aria!

3Asc Atmosphera

 

 

Materiali a disposizione su Beni comuni

I beni comuni (pptx/109Kb)

Protfolio dei beni comuni (docx/127 Kb)

I beni comuni in breve (ppt/112 Kb)

Escursione tra i beni comuni della provincia (doc/107 Kb)

Intervista a Renzo Piano (pdf/46 Kb)

“Il ‘Piano’ delle periferie” di Staglianò (link esterno)

Santa Bertilla da periferia a città (pdf/62,5 Mb)

 

Le classi terze del LES svolgeranno, come attività di educazione alla cittadinanza, il modulo multidisciplinare sul consumo sostenibile.

 

Altri materiali a disposizione

Censis 2013: Come cambia la comunicazione nella formazione dell’opinione pubblica

Surf tra tv, rete e carta stampata: l’informazione diventa ibrida, di Ilvo Diamanti

Verso una democrazia ibrida, di Ilvo Diamanti

Opinione pubblica e social networking, di Biagio Carrano

 


 

Classi quarte. Giornata della memoria, 27 gennaio

Nel contesto della “Giornata della memoria” si organizza un percorso di formazione e riflessione, accessibile a tutte le classi. A partire dalla memoria della tragedia della Shoah si apre anche la comprensione della nascita dell’epoca dei Diritti Umani. Le classi quarte realizzano performances in Aula Magna sul tema dei genocidi e dei diritti umani violati.

La classe vincitrice sarà premiata con un viaggio di due/tre giorni in un luogo significativo della memoria del ventesimo secolo.

Le classi quarte che partecipano a progetti relativi alla educazione alla legalità e che svolgono curricolarmente l’attività di educazione alla cittadinanza con i moduli multidisciplinari di bioetica svolgono in tal modo il percorso di educazione alla cittadinanza

 

I VINCITORI PER L’A.S. 2016-7 

la classe 4ASC

 

Materiali a disposizione

Vai alla pagine dedicata alla Giornata della memoria e in particolare alla raccolta di siti e riferimenti utili


Classi quinte. Welfare italiano e altri welfare europei: un confronto

INTRODUZIONE

Il giorno 11 novembre 2016, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, in aula magna, gli alunni ascolteranno una relazione della professoressa Francesca Lazzari sulla ”Crisi del welfare” e assisteranno alla proiezione del docu film ”Where to invade next” di Michael Moore

FORMAZIONE DEI GRUPPI

Alla formazione dei gruppi (4, massimo 5 studenti) provvederanno i docenti del dipartimento di filosofia e storia nelle rispettive classi. Gli studenti lavoreranno per la produzione di cortometraggi o altra forma di riflessione espressiva sul tema “Welfare italiano e altri welfare europei: un confronto”. La durata massima del lavoro prodotto non deve superare i 10 minuti.

PRESENTAZIONE DEI LAVORI SELEZIONATI

Entro il giorno 6 febbraio 2017 sarà effettuata dal docente referente l’individuazione del lavoro migliore della propria classe. Gli elaborati così selezionati saranno presentati in aula magna il giorno 13 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 13.00, in un apposito incontro a cui saranno invitati tutti gli studenti delle classi quinte.

 

LA GIURIA E LA PREMIAZIONE

Al termine della presentazione in aula magna, i lavori saranno valutati dalle classi presenti, secondo un regolamento che sarà comunicato in seguito.

I tre migliori elaborati saranno premiati con un viaggio a Bruxelles, a costi ridotti (circa 50 euro a testa) grazie al contributo dell’Unione Europea.

 

I VINCITORI PER L’A.S. 2016-7

 


Materiali a disposizione:  Il Welfare europeo

Confronto Welfare Mesturini (pdf/2,5 Mb)

Il Welfare State tedesco (link esterno)

Crisi e Welfare (Lazzari) (pdr/142 Kb)

 

Altri materiali a disposizione

Cosa accadrebbe se l’Europa non ci fosse?

Euro, unione economica e monetaria (pdf/1,5 Mb)

Strategia Europea per la crescita (pdf/740 Kb)

L’invenzione dell’Euro – Robert Mundell (link esterno)

Il modello europeo e la politica economica comunitaria (link esterno)

La crisi economica dagli Stati Uniti all’Europa (link esterno)

Il sito della BCE con vari materiali didattici (link esterno)

L’introduzione di Pietribiasi all’intervento di Majocchi (doc/40Kb)

Abstract intervento di Majocchi (doc/37 Kb)

 


 

 

Le competenze di cittadinanza

Il documento completo di obiettivi, competenze ed abilità è consultabile alla voce Progetti – Educazione alla cittadinanza europea

Contributi delle aree disciplinari alla formazione della cittadinanza:

AREA DELLA COMUNICAZIONE Conoscenza essenziale delle espressioni comunicative e dell’immaginario e della spiritualità della cultura di appartenenza e di altre culture d’Europa e del pianeta. Conoscenza di altre lingue veicolari, oltre la propria, con buone capacità di comprensione, produzione e relazione.

Materie coinvolte: Educazione Artistica e Musicale, Arte, Danza, Musica, Drammatizzazione, Letteratura, Storia, Filosofia, Religione, Lingue, Educazione Fisica.

AREA SCIENTIFICO-MATEMATICO-TECNOLOGICA Conoscenza dei saperi matematici – tecnici – scientifici con particolare riguardo alla dimensione problematica della scoperta scientifica intesa come processo di scoperta e come opera di una comunità supernazionale, e non mera comunicazione di dati. Conoscenza dei temi e processi ecologico-ambientali e bioetici e delle loro implicazioni in ordine alla cittadinanza.

Materie coinvolte: Matematica, Fisica, Scienze, Scienze della Terra e Ambientali, Chimica, Biologia, Informatica, Tecnologie Varie e Storia.

AREA FILOSOFICO-STORICO-SOCIALE Conoscenza delle principali visioni filosofiche e religiose del pianeta con particolare riguardo alla dimensione etica ed a quegli elementi che contribuiscono alla costruzione della cultura della cittadinanza attiva e della convivenza civile. Conoscenza delle linee di sviluppo della storia mondiale anche nella dimensione socio-economica, con particolare riguardo alla complessità dell’evoluzione storica europea. Conoscenza delle differenti tradizioni democratiche e costituzionali.

Materie coinvolte: Filosofia, Storia, Scienze Umane, Religione.

AREA GIURIDICO-ECONOMICA Conoscenza delle Istituzioni locali, europee ed internazionali (ONU, ecc…), con specifica attenzione alla Unione Europea. Diritto del lavoro. Analisi comparata dei più importanti trattati e/o Carte Costituzionali, con esame della ricaduta economico finanziaria con particolare riguardo alle problematiche della globalizzazione, delocalizzazione; della responsabilità sociale d’impresa e del consumo responsabile.

Materie coinvolte: Diritto; Economia, Scienze umane, Storia, Metodologie della ricerca sociale