Navigazione veloce
Liceo scientifico "G.B.Quadri" > regolamenti > Credito scolastico e formativo

Credito scolastico e formativo

IL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO

  

IL CREDITO SCOLASTICO

Dall’anno scolastico 1998/1999 nello scrutinio finale viene assegnato ad ogni studente del triennio il “credito scolastico”.

La somma dei punti ottenuti in Terza, Quarta e Quinta costituisce il credito che lo studente si porterà all’Esame di Stato conclusivo del corso di studi (non si chiama più Esame di maturità!).

La somma totale dei crediti (25 punti al massimo) presenta questa ripartizione.

 

Media dei voti

Credito scolastico (Punti)

 

I anno

II anno

III anno

M = 6

3-4

3-4

4-5

6 < M = 7

4-5

4-5

5-6

7 < M = 8

5-6

5-6

6-7

8 < M = 9

6-7

6-7

7-8

9 < M = 10

7-8

7-8

8-9

 

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Al fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell’ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l’assiduità della frequenza scolastica, l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

Gli alunni che non abbiano saldato i debiti formativi contratti nel terzultimo e nel penultimo anno di corso non sono ammessi a sostenere l’esame di Stato.


  1. La Media è quella dei voti conseguiti allo scrutinio finale; anche il voto di Educazione Fisica vale per la media.
  2. Il credito scolastico attribuito allo studente va espresso in numero intero.
  3. Lo studente promosso con debito formativo può avere solo il punteggio minimo previsto nella relativa banda di oscillazione; se il debito viene recuperato, il punteggio può essere integrato l’anno successivo.
  4. Oltre alla media dei voti devono essere tenuti in considerazione:
    a)      L’assiduità nella frequenza scolastica.
    b)      La partecipazione al dialogo educativo in classe.
    c)      La partecipazione alle attività integrative promosse dalla scuola.
    d)      I crediti formativi.
    N.B. Va tenuto presente che tutte queste voci possono aggiungere punti solo entro la banda di oscillazione determinata dalla media dei voti.

  5. Nello scrutinio finale di Quinta il Consiglio di classe (fermo restando il massimo di 25 punti) può integrare il punteggio complessivo dello studente che, con particolare impegno e merito scolastico, abbia recuperato situazioni di svantaggio degli anni precedenti, in relazione a condizioni familiari o personali che abbiano determinato un minor rendimento.

 

 


IL CREDITO FORMATIVO

E’ stato pubblicato il decreto ministeriale riguardante i crediti formativi (D.M.452 del 12.12.98). Il decreto si applica fin dal corrente anno scolastico 1998/1999.

I crediti formativi, insieme all’assiduità della frequenza alle lezioni, all’interesse e all’impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività integrative promosse dalla scuola, concorrono all’attribuzione del punteggio finale (credito scolastico) nell’ambito delle bande di oscillazione determinate dalla media dei voti allo scrutinio finale.

Chi valuta i crediti formativi?
I Consigli di classe, i quali stabiliscono i criteri di valutazione delle esperienze compiute dallo studente, sulla base della rilevanza qualitativa delle stesse, anche riguardo alla formazione personale, civile e sociale dello studente.

Dove si acquisiscono i crediti formativi?
In esperienze o attività compiute al di fuori della scuola di appartenenza. I settori o le attività interessate sono: attività cultuali, artistiche e ricreative, la formazione professionale, il lavoro, l’ambiente, il volontariato, la solidarietà, la cooperazione, lo sport.

Come ottenere il riconoscimento dei crediti formativi?
Lo studente interessato deve presentare al proprio Consiglio di classe un’attestazione, firmata dal responsabile dell’ente, associazione o istituzione, presso i quali ha realizzato l’esperienza, contenente una sintetica descrizione dell’esperienza stessa. E’ necessario che l’attestato venga presentato entro il 15 maggio.


Attività o esperienze che danno luogo all’acquisizione di crediti formativi

 

Criteri per il riconoscimento dei crediti scolastici relativi a competenze linguitiche

Certificazioni internazionali di enti legalmente riconosciuti dal MIUR attestanti un livello linguistico pari o superiore rispetto alla classe di appartenenza (per la lingua inglese: A2 classi prime e seconde, B1 classi terze, B2 classi quarte e quinte).

Certificazioni di crediti formativi acquisiti all’estero convalidate dall’autorità diplomatica o consolare.

Certificati di corsi relativi a progetti linguistici organizzati dalla scuola e inclusi nel POF:

Certificati di frequenza di corsi linguistici rilasciati da scuole straniere con sede all’estero e/o in Italia, provvisti di durata e/o valutazione delle competenze acquisite coerenti con la classe di appartenenza o l’indicazione del livello raggiunto secondo il Quadro comune di riferimento europeo.

Nota: i certificati valgono per un anno dalla data di emissione.

Criteri per il riconoscimento dei crediti scolastici relativi a certificazioni sportive

Criteri per il riconoscimento dei crediti scolastici relativi a certificazioni sportive.

  • Attività sportive promosse da enti, società e/o associazioni riconosciute o non riconosciute dal CONI, di durata almeno annuale e con frequenza settimanale;
  • Corsi motorio-sportivi organizzati dalla scuola per un monte ore pari ad almeno il 60% del totale;
  • Partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi oltre la fase provinciale.

N.B. Il credito sarà attribuito a condizione che lo studente, durante l’attività curricolare di scienze motorie, dimostri interesse e partecipazione attiva.

 

Criteri per il riconoscimento dei crediti scolastici relativi ad attività educative

Esperienze continuative ( certificate dai referenti l’associazione di riferimento ) in:

Associazioni di volontariato

Servizi alla persona

Al territorio

  


LA LODE ALL’ESAME DI STATO

Criteri per l’attribuzione della lode (D.M. 99 -2009)

La lode può essere attribuita ai candidati …. a condizione che: 

Abbiano conseguito il credito scolastico massimo complessivo attribuibile senza fruire della integrazione.
Abbiano riportato negli scrutini finali relativi alle classi terzultima, penultima e ultima solo voti uguali o superiori a otto decimi, ivi compresa la valutazione del comportamento.
Abbiano conseguito il massimo punteggio nelle prove scritte e nell’orale senza l’ausilio del bonus.